LETTERA APERTA SULLA CONSULTA DEL VERDE

Bologna 27/01/21


Caro Assessore Aitini,

alcuni giorni fa eravamo al fianco dei cittadini in Via Torino, durante la manifestazione
spontanea per l’abbattimento dei bagolari.

Con le giustificazioni più disparate, che prima o poi andranno prese seriamente in esame,
di recente il verde urbano della nostra città è oggetto di veri e propri attacchi illogici e
autolesionisti. Per la nostra specie in primis.

Tutti sappiamo che non è possibile vivere in una città senza alberi. Come esseri umani
‘Viviamo perchè Respiriamo’. Questo non si dovrebbe dimenticarlo.

Assistiamo per ora impotenti ad una situazione di incoerenza seria, da un lato si
proclama l’emergenza climatica e la piantumazione di milioni di alberi, dall’altra questa
attenzione per il verde in città non solo non si traduce in fatti, ma sta producendo uno
scempio che sempre più diventa irreparabile. Non occorre scomodare fior di scienziati
sull’inquinamento e la fondamentale importanza degli alberi in città, perchè di studi e di
dossier ce ne sono a migliaia, inclusi quelli presso il Ministero dell’Ambiente con la nuova
strategia nazionale del verde urbano, che qui sembra non essere stata neanche presa in
considerazione.


L’esistenza di spazi naturali, all’interno del contesto urbano, come noto, ma lo ribadiamo,
oltre che migliorare la qualità della vita, è elemento unico che rende possibile la
sopravvivenza dell’uomo nell’ambiente del tutto artificiale della città. Gli alberi, questo
immenso patrimonio, hanno il grande potere di contrastare le emissioni di CO2,
assorbire i gas tossici e gli altri inquinanti dell’aria, filtrare il particolato fine, prevenire
il dissesto idrogeologico e la perdita di biodiversità. Svolgono un’efficace azione di
climatizzazione: un albero in estate può ridurre le temperature dai 2 agli 8 gradi.


Costituiscono una vera e propria barriera antirumore: è noto che disponendo, lungo una
via congestionata dal traffico, un’ampia barriera vegetale di alberi si può abbattere il
rumore fino a una decina di decibel Un albero costituisce un patrimonio insostituibile:
tagliarlo quando è nel pieno del suo vigore sostituendolo con una giovane pianta (se
viene fatto) non garantisce la compensazione di tutti i vantaggi ecologici perduti.
Pertanto, ci chiediamo a fronte dei continui tagli in città con sostituzioni inverosimili, se
lei ha chiaro a cosa sta condannando la città e i cittadini che rappresenta. Oltre ai danni
fisici all’ambiente urbano, si sta generando un danno alla fiducia dei cittadini nei
confronti delle istituzioni e nei programmi elettorali, sempre disattesi, che non porta bene
a nessuno. A fronte di tutto ciò chiediamo l’immediata istituzione della Consulta
comunale del verde e nel frattempo la sospensione di qualunque abbattimento o taglio, a
meno che non si tratti di situazione di comprovata emergenza all’incolumità pubblica e
privata.

Disponibili per un incontro alla presenza degli ormai tanti Comitati, Associazioni e
Cittadini le porgiamo cordiali saluti, rimanendo in attesa di altrettanto cordiale risposta

I Portavoce provinciali Verdi-Europa Verde Bologna Barbara Fabbri e Alessandro
Fabianelli

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.